lunedì 4 luglio 2016

Apicoltori urbani: il miele sul balcone

miele in città
Dopo l'orto sul balcone anche l'arnia sul terrazzo
Se solo al suono sommesso di un ronzio vi sale l’allarme e il panico questi post e soprattutto questa notizia non fa per voi. Infatti crescono sempre di più le persone, soprattutto cittadini che vogliono ospitare nei loro balconi, tetti o terrazze le preziosissime api. Le arnie sul balcone sono una moda, se di moda si può parlare nata all’estero, a New York e a Parigi, dove grandi magazzini, palazzi storici e ristoranti, ma anche privati cittadini hanno deciso di istallare arnie per dare accoglienza alle api, e produrre a km zero il miele.
Ma davvero le città sono il posto adatto per ospitare le api? A quanto pare sì, le città infatti sono prive di quelle sostanze nemiche di queste creature, ovvero i pesticidi usati massivamente in agricoltura. Aiuole incolte, non gestite con fitofarmaci o diserbanti, piante e fiori in giardini e terrazzi e orti urbani sono il luogo ideale per le api, che trovano l’habitat giusto per rifugiarsi. Sembra uno scherzo se si pensa al caos, al traffico e soprattutto all’inquinamento delle città.

miele urbano
Giardini e terrazze in città per dare ospitalità alle api.
Eppure dopo l’orto sul balcone il miele sul balcone sembra prendere piede anche da noi, dopo Melburne in Australia, dove le arnie cittadine sono arrivate a 500 installate in alberghi, giardini, bar e tetto gestite da volontari i Melbourne Beekeppers Club anche l’Italia apre le porte, o meglio le terrazze a questi graditi ospiti. Il miele cittadino o urbano inoltre sembra essere di ottima qualità e apre potenzialità di business locale. Ma per posizionare un arnia nei nostri balconi servono a quanto pare le autorizzazioni, concesse sempre di più anche nel nostro paese.

In attesa di costruire un luogo sicuro per le api presso la nostra abitazione o tetto è bene ricordare che le api sono non solo le sentinelle dello stato di salute dell’ambiente che ci circonda, ma sono un bene prezioso in via di estinzione di essenziale se non di vitale importanza per la biodiversità.
Per tutti quelli che hanno la fobia per questi piccoli insetti, del tutto innocui e pacifici se trattati nella giusta maniera, consigliamo di vincere la paura e di guardare alle api come specie amica dell’ambiente e dell’uomo, patrimonio da tutelare e non da combattere.
Ovviamente per tenere un arnia su balcone non ci si può certo improvvisare apicoltori urbani, esistono associazioni e volontari esperti che tengono periodicamente corsi per prendersi cura in maniera seria e sicura di questi ospiti.

Il miele urbano sembra essere di ottima qualità.

Consultate le associazioni apicoltori urbani della vostra regione per avere preziosi consigli e indicazioni, tra queste citiamo Apilombardia, l’APAM e il progetto UrBees e quello Beelife.

1 commenti:

  1. Sembra strano pensare che il luogo migliore per un'ape è la città... ma il miele che producono è migliore di quello delle api allevate fuori città?

    RispondiElimina

 

Contattaci!

Nome

Email *

Messaggio *